Offerta Premium :

  • Pubblicità

    Categorie

    Archivio del sito

    voto

    Il calendario

    Siti da vedere

    1
    Da: Gmarksa | 1-06-2017, 15:34 | Visita: 202
     
    Quella corsa sul circuito di Jerez de la Frontera del 10 aprile 2005 apre ufficialmente il Motomondiale e ripropone immediatamente il duello che aveva destato maggiore interesse nella stagione precedente, ossia quello tra il campione in carica Valentino Rossi in sella alla Yamaha e al pilota della Honda Sete Gibernau. A partire meglio è l’iberico che riesce a prendere qualche secondo di vantaggio sul Dottore invischiato nei giri iniziali in una lotta serrata con lo statunitense Nicky Hayden. Ma dopo essersi sbarazzato del nordamericano il fenomeno di Tavullia comincia la sua rincorsa al leader della gara.
    categoria: Sport / Motociclismo
    Commenti: 0
    2
    Da: Gmarksa | 3-11-2016, 15:17 | Visita: 571
     
     
     
    Trama

    "La regola di Marco” è un titolo naturale. E’ bastato viverlo negli anni più belli della sua carriera umana e sportiva, sentirlo raccontare dagli amici e dai famigliari per capire che la regola di Marco era semplicemente quella di avere, sempre, l’amore attorno. Le testimonianze raccolte nel film hanno dentro una costante intensa e continua: Marco Simoncelli era disposto a rinunciare ad un progresso tecnico in nome dell’armonia. Ad un anno di vittorie in nome della serenità che avrebbe portato al successo negli anni successivi. Arrivato al Motomondiale dopo un’infanzia da tenerissimo discolo romagnolo, è riuscito nell’impresa di fondere la sua squadra e la sua famiglia in una cosa sola. Non è banale in un mondo, quello delle corse, in cui spesso guidano il business e la prestazione. Innamorato della vita, della sua Romagna, della sua fidanzata Kate, degli amici e della famiglia, Marco Simoncelli ha dato vita ad una leggenda che gli sopravvive. Vinto il mondiale 250 era arrivato alla MotoGP. Lo stesso Valentino Rossi (che in "La regola di Marco” confida di non aver mai avuto tra i piloti un amico caro come Marco al punto da confidare solo a lui i segreti del proprio allenamento) sa che in Simoncelli poteva esserci l’erede. Troppo bravo umanamente per non portarselo altrove. Il 23 ottobre del 2011 si è interrotta una vita, ma forse ne è cominciata un’altra. Quella della Regola di Marco.


    Ultima Modifica: Gmarksa - 2-12-2016, 18:43
    Motivo: Re-Upload

    categoria: Sport / Motociclismo
    Commenti: 0

    Trama
     
    Un mito del motociclismo italiano e mondiale. Un uomo che grazie a talento, tenacia e determinazione ha vinto tutte le sfide della sua carriera fino a diventare il punto di riferimento di piloti e appassionati di moto degli ultimi decenni. Attraverso interviste esclusive alle persone che l’hanno conosciuto più da vicino come il fratello Felice Agostini, il giornalista Nico Cereghini, i fedeli meccanici della Mv Agusta e i colleghi piloti che hanno condiviso con lui le spettacolari gare del motomondiale, saranno ripercorse le imprese più esaltanti di un uomo che ha saputo portare il motociclismo italiano alle vette più alte della sua storia. Grazie a straordinari filmati di repertorio sarà raccontata la storia di questo grande sportivo a cominciare da quando, ancora ragazzo, ha iniziato a vincere tutte le gare a cui partecipava, scalzando di volta in volta i grandi campioni che incontrava sulla sua strada, come Mike Hailwood, Renzo Pasolini e Phil Read. Giacomo Agostini, per lunghi anni, ha dato lustro alla mitica scuderia Mv Agusta. Quando ancora nel motomondiale non c’era lo strapotere dei giapponesi era proprio il sapiente artigianato tutto italiano che dominava in lungo e in largo i circuiti del motomondiale. Agostini e la Mv hanno creato un connubio di incredibile efficacia e affiatamento dalla metà degli anni ’60 fino ai primi anni ’70.

    Il palmares è impressionante: 15 titoli mondiali fra 350 e 500, più di 120 Gran Premi vinti. Con Giacomo Agostini inoltre, il motociclismo è passato alla sua era moderna: infatti, proprio con lui, la figura del pilota si è progressivamente trasformata in divo a tutto tondo, creando un seguito sia di pubblico che di sponsor i cui effetti sono diventati la modernità del motociclismo.
    categoria: Sport / Motociclismo
    Commenti: 0

    Trama
     
    La vita spettacolare del campione di Tavullia raccontata da Valentino Rossi. Ventiquattro ore dopo l'inizio del motomondiale 2009, per la prima volta a Sfide, Valentino Rossi si racconta in una lunga intervista : dalle derapate nelle cave con papà Graziano durante l'infanzia, alla recenti e spettacolari vittorie nel motomondiale; dal debutto con la Sport Production ai duelli con Max Biaggi nella classe regina; dall'azzardo Yamaha alle esaltanti vittorie del 2004; dagli anni della crisi del 2006 alla riscossa finale del 2008. L'ascesa, la caduta e la risalita di un campione italiano già diventato mito. Valentino Rossi è uno dei più grandi piloti di tutti i tempi, otto volte campione del mondo nelle varie classi del motomondiale, l'unico nella storia del motociclismo ad aver vinto il titolo mondiale in 4 classi differenti, la 125, la 250, la 500 e la MotoGP. E’ attualmente il pilota con il maggior numero di successi in MotoGP. Ma Valentino Rossi è molto di più: è un personaggio straordinariamente comunicativo che è riuscito a oltrepassare i confini dei circuiti per entrare nel cuore della gente, restando il ragazzo semplice e spontaneo di sempre. Le gag di fine gara, dall'ormai celebre Claudia Skiffer al Vigile urbano di Tavullia, sono il segno di un campione fuori dagli schemi, genio e sregolatezza, divenuto divo da copertina e idolo delle folle. 


    Ultima Modifica: Gmarksa - 29-12-2016, 16:27
    Motivo: Rimossi Link Offline

    categoria: Sport / Motociclismo
    Commenti: 0
    0
    Da: seiya93 | 23-11-2015, 19:22 | Visita: 819
     
    Trama
    La Ducati Motor Holding S.p.A. è una casa motociclistica italiana. Ha la sua sede a Borgo Panigale, un quartiere di Bologna.
    categoria: Sport / Motociclismo
    Commenti: 0
     
     
    Trama
     Marco Simoncelli è stato un pilota motociclistico italiano campione del mondo del campionato 250 nel 2008. La sua carriera, ricca di podi, vittorie e duelli entusiasmanti è terminata nel 2011 per un incidente mortale a Sepang.
    categoria: Sport / Motociclismo
    Commenti: 0
     
    Trama
     Nel 2003 dopo decenni di successi nel mondiale Superbike la casa di Borgo Panigale decide di sconfiggere Honda e Yamaha anche nel palcoscenico più importante: la Motogp. Con Capirossi e Bayliss riuscirà a vincere qualche battaglia. Con Casey Stoner stravince la guerra.
    categoria: Sport / Motociclismo
    Commenti: 0
     
     
     Trama
    Valentino Rossi è il pilota più forte del ventunesimo secolo. Ha vinto più di cento gran premi e nove mondiali. Doohan è stato il pilota più forte del motomondiale. Ha vinto più di cinquanta gran premi e cinque mondiali. D'Agostini ha vinto quindici mondiali tra gli anni 70 e gli anni 80. Tra gli appassionati del motomondiale c'è sempre una domanda: chi è il più forte tra questi tre?
    categoria: Sport / Motociclismo
    Commenti: 0
     
     
    Trama
     Il documentario ripercorre la carriera di Valentino Rossi fino al 2009. Il giovane Rossi debutta nel mondiale 125 nel 1996. L'anno dopo vince il suo primo titolo. Due anni dopo arriva il titolo in 250. Tra il 2001 e il 2005 vince cinque mondiali di fila tra la classe 500 e la Motogp. Capirossi, Ukawa, Barros, Gibernau e, soprattutto, Biaggi sono stati i suoi rivali più accesi. Avendoli battuti tutti Rossi è considerato da molti il pilota più forte della storia.
    categoria: Sport / Motociclismo
    Commenti: 0
    0
    Da: The Show | 16-10-2014, 20:32 | Visita: 1 410

     

    Questa categoria è sorta nel 2002; sostituendo la precedente classe maggiore, la 500, il cambio di nome si è reso necessario in virtù del cambio di regolamento in merito alla cilindrata, non più limitata a 500 cm³ per qualsiasi tipo di propulsore (rendendo inadatto il termine Classe 500), ma differenziata per tipologia, portando il limite massimo per i motori quattro tempi a 989 cm³, mentre dalla stagione 2007 la cilindrata massima è stata ridotta a 799 cm³ e non sono più ammessi motori a due tempi, dal 2012 la cilindrata è stata aumentata fino a 1000 cm³.

    categoria: Sport / Motociclismo
    Commenti: 1